Asseverazione - Linee Guida Uni Inail

L’ASSEVERAZIONE

 

Con l’Asseverazione, scelta volontaria dell’impresa edile, promossa dalla CNCPT con il sostegno di INAIL e regolamentata da UNI, viene attestata l’adozione e l’efficace attuazione di un modello di organizzazione e gestione della salute e sicurezza sul lavoro.

L’Asseverazione evidenzia l’impegno dell’impresa, può avere efficacia esimente della responsabilità amministrativa (D.Lgs. 231/2001) ed offre vantaggi economici. Gli organi di vigilanza possono tenerne conto ai fini delle loro attività ispettive.

 

REQUISITI D’ACCESSO AL SERVIZIO

Le imprese edili che possono fare richiesta di asseverazione devono essere dotate di un modello di gestione della salute e sicurezza sul lavoro - realizzato conformemente alle linee guida Uni/Inail o alla norma BS OHSAS 18001 - iscritte in Cassa Edile ed in possesso di DURC regolare. A questi si aggiungono: la messa a disposizione di personale referente dell’impresa per l’espletamento della pratica, per l’accesso ai cantieri e per tutti gli altri adempimenti e la dichiarazione di elevata motivazione al conseguimento dell’obiettivo.

 

INVIO DELLA RICHIESTA

L’impresa effettua richiesta di asseverazione al CPT della provincia in cui è iscritta in Cassa Edile. CPT, una volta ricevuta la richiesta, è responsabile della verifica dei pre-requisiti e, in caso di accettazione della domanda, procede all’erogazione del servizio di asseverazione divenendo il riferimento per tutti gli aspetti di gestione organizzativa ed amministrativa della singola pratica. 

 

BENEFICI DERIVANTI DALL’ASSEVERAZIONE

Tra i possibili vantaggi si rileva che il modello di organizzazione e gestione della SSL asseverato può avere efficacia esimente della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica di cui al D. Lgs. n. 231 dell’8 giugno 2001. 

Si ricorda inoltre che l’articolo 51, comma 3-bis, del T.U. 81/08 statuisce: “gli organi di vigilanza possono tenerne conto ai fini della programmazione delle proprie attività”; il che significa possibilità, per tali organi, di orientare le proprie visite ispettive verso imprese che non adottino tali modelli e fare salve da detti controlli quelle incluse nell’albo delle imprese asseverate, pubblicato sul sito della CNCPT. 

Non bisogna dimenticare che l’asseverazione rientra tra i progetti finanziabili attraverso la partecipazione al bando ISI indetto dall’INAIL relativo agli incentivi in favore delle imprese che intendono realizzare interventi per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro. 

Rappresenta un possibile requisito per partecipare ai bandi di gara e per l’aggiudicazione di appalti pubblici o privati, ove richiesto. L’asseverazione sarà, sempre di più, un requisito cogente sia nella partecipazione che nell’aggiudicazione di appalti pubblici o privati, tale per cui, il possesso di un modello di organizzazione e gestione asseverato potrà garantire alle imprese un punteggio maggiore per poter scalare la graduatoria finale.

Non ultimo, il vantaggio di usufruire di 100 punti per le imprese che, sulla scorta dell’asseverazione, possono inoltrare richiesta all’INAIL per la riduzione del tasso medio di tariffa, dopo il primo biennio di attività, ai sensi dell’articolo 24 del D.M. 12/12/2000 e s.m.i, recante le modalità di applicazione delle tariffe dei premi INAIL.